Unità d’Italia, apre a Santena Memoriale dedicato a Cavour

Apre simbolicamente, nel giorno dei 160 anni dell’Unità d’Italia, il Memoriale dedicato a Camillo Benso conte di Cavour presso il Castello di Santena. Una cerimonia a porte chiuse, con poche presenze a causa delle restrizioni per il Covid, ma solenne. Il taglio del nastro da parte del presidente d’onore della Fondazione Cavour, Nerio Nesi, è stato preceduto dalla deposizione di una corona di alloro nella Cappella Funeraria dello statista piemontese, proprio accanto al Castello che ospita il Memoriale. L’inaugurazione è rinviata al 6 giugno, giorno dell’anniversario della morte di Cavour. “I lavori di ristrutturazione, realizzati grazie al contributo della struttura di missione della Presidenza del Consiglio, permettono di aprire un museo e un centro permanente di studi cavouriani. In un momento come quello che stiamo attraversando memoria e futuro s’intrecciano”, ha detto in un messaggio video la ministra delle politiche giovanili Fabiana Dadone. “Non possiamo festeggiare con i ragazzi, ma lanciamo un messaggio di coesione. Il conte Cavour parlava già di solidarietà, amicizia, Europa. Senza conoscere la storia non si può guardare al futuro. Stiamo vivendo un momento difficilissimo, ma da questi momenti si esce più forti”, ha sottolineato il prefetto. “E’ un’inaugurazione speciale in un museo ancora chiuso, ma ci tenevamo a farla lo stesso. E’ un progetto realizzato con passione, con uno sforzo collettivo anche economico. Un museo boutique che speriamo presto possa accogliere giovani e studenti”, ha affermato il presidente della Fondazione Cavour, Marco Boglione. Il Memoriale, che apre dopo quattro anni di ristrutturazione, propone percorsi interattivi che raccontano su tre piani la vita di Cavour e insieme la storia del Risorgimento italiano. All’ultimo piano la camera dove lo statista morì. All’esterno del Castello è stata ristrutturata la tomba di famiglia dove Cavour fu sepolto e si potrà ammirare di nuovo la lapide della contessa di Castiglione.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *