Scuola di alta formazione per la Pa. Brunetta pensa a un polo del Nord “Cavour ne sarebbe orgoglioso”

2 Novembre 2021

IL MINISTRO A SANTENA PER UN SOPRALLUOGO

«Stiamo valutando la congruità dell'idea: un'idea bellissima quella di portare una sede della scuola di alta formazione per la Pubblica amministrazione al Nord. Questo è un sopralluogo».

Parola di Renato Brunetta, ministro per la Pubblica amministrazione, che ieri a Santena, nella sede della Fondazione Cavour, ha incontrato gli altri attori di questo progetto. Per ora in fase ideazione. Un blitz prima di fuggire verso Caserta, dove c'è l'altra sede della scuola di alta formazione.

Brunetta scherza. Perché qui? «Perché si lavora nel nome di Camillo Cavour, padre ed autore nel 1853 della grande riforma della Pubblica amministrazione che successivamente estese a tutto il Paese. In fondo, in questo, c'è una continuità tra allora e oggi».

Per lui, padre della riforma della Pa, condurre in porto il piano è qualcosa che corona un percorso che ad agosto definiva così: «Il mio sogno per la Pa si può riassumere in queste parole: gentilezza, cortesia, efficienza».

Il problema ora è la percorribilità dell'idea. Che viene dalla Fondazione Cavour e dalle autorità del Piemonte. Brunetta è chiaro: «La struttura deve avere gli spazi per tenere una scuola vera non una sede di rappresentanza. Deve avere le aule magne, deve esserci un sistema di ricettività per studenti e docenti. Servono le condizioni fisiche affinché questo si possa realizzare». Con la partecipazione del Governo: «Avere qui un centro di alta formazione, di alta burocrazia, è una cosa che farebbe inorgoglire Cavour». —



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.