Santena, nel Castello Cavour inaugurato il primo polo formativo italiano della Scuola nazionale dell’amministrazione

20 Settembre 2022

Si tratta del luogo in cui selezionare e istruire i migliori funzionari pubblici che lavoreranno negli uffici territoriali

SANTENA. «Un seme che deve germogliare». A Santena, nel complesso cavouriano, è stato inaugurato oggi il primo polo formativo italiano della Scuola nazionale dell’amministrazione, in acronimo Sna: luogo in cui selezionare e istruire i migliori funzionari pubblici che lavoreranno negli uffici territoriali. Un progetto voluto ministro per la Pubblica amministrazione, Renato Brunetta, affidato alla professoressa e avvocatessa Paola Severino, in qualità di presidente della Sna, Paola Severino, con il contributo della Camera di Commercio, dei tre poli universitari piemontesi, la Fondazione Cavour e il Comune di Santena. L’obiettivo, come dice la presidente Severino, è di creare un centro formativo come quello di Santena, in ogni regione. Un polo formativo dedicato ai funzionari del territorio, non solo dirigenti apicali dell’amministrazione centrale. Un’altra forma di Italia unita, sotto il segno della condivisione dei saperi «per far emergere quei talenti di cui tanto ha bisogno l’amministrazione pubblica».

La cerimonia
Con una breve cerimonia, il ministro Brunetta e la presidente Severino hanno tenuto a battesimo la scuola, scoprendo la targa all’ingresso. «Luoghi come questo – ha ricordato il ministro Brunetta – devono diventare incubatori della migliore cultura di governo, capaci di rendere la Pubblica amministrazione un catalizzatore della ricostruzione dell’Italia». Le prime lezioni inizieranno ad ottobre, e i primi “allievi” sono i funzionari pubblici che dovranno gestire i fondi del Pnrr. Le aule sono state ricavate all’interno del complesso recuperato con importanti investimenti: tra i progetti futuri, la creazione di un vero campus. All’interno sono state ricavate sale multimediali, una dedicata a Cavour e una a Einaudi. Spazi restaurati arredati con busti dello statista piemontese, con frasi celebri o emblematiche riportate sulle pareti di vari personaggi e immagini. Proprio di fronte a una frase pronunciata da Mario Draghi in visita a Santena, nel 2017, Brunetta si è soffermato, sorseggiando un caffè. «Faccio una foto e gliela mando» ha detto il ministro.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.