In Fondazione Cavour inizia l’era Boglione

Il presidente della Fondazione Cavour, Nerio Nesi, ha salutato il suo successore, Marco Boglione, con la cerimonia della Consegna del campanello. L’evento si è svolto a Santena nel palazzo delle scuderie del complesso cavouriano, martedì 4 febbraio. A Marco Boglione neo presidente della Fondazione Cavour, abbiamo rivolto alcune domande.

Qual è la missione della Fondazione Cavour per il complesso Cavouriano di Santena?

“Nel Dna della Fondazione Cavour non può che esserci la missione di valorizzare, oltre la figura del Cavour, l’unità d’Italia che è strettamente legata alla visione del conte di Cavour. E noi cercheremo di promuoverla e diffonderla, soprattutto nei giovani. Io credo che la Fondazione Cavour sia di tutti gli italiani, perché rappresenta, in prima battuta, il valore dell’Unità d’Italia”.

Raccoglie un testimone importante, dieci anni di impegno da parte di Nerio Nesi

“Un testimone importantissimo. E’ emozionante. Dieci anni cruciali per la Fondazione che si è completamente rinnovata”.

Chi è Marco Boglione?

“Sono un imprenditore. Un torinese. Un italiano. Credo moltissimo nel valore dell’Unità d’Italia. Da sempre, da circa vent’anni d’anni, dedico un po’ del mio tempo anche all’ambito del no profit. E ora sono onoratissimo di potermi occupare della Fondazione Cavour”.

Con che spirito è arrivato alla cerimonia della consegna del campanello?

“Emozionato”. 



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *