Giro d’Italia 2022: una tappa partirà dal Memoriale Cavour di Santena

Una tappa del 105° Giro d’Italia nel prossimo mese di maggio 2022 partirà dal Memoriale di Cavour a Santena con arrivo a Torino. Sarà una tappa molto dura: 153 km per 3.470 metri di dislivello complessivo, da percorrere per due volte e mezza in un circuito che propone – sulla collina torinese – il Colle della Maddalena, il Bric del Duca (Superga) e lo strappo di Santa Brigida. Lo ha confermato ufficialmente oggi l’organizzazione di Rcs annunciando le tappe di mezza montagna, fra le quali questa è annoverata.

«Ora la Regione Piemonte deve impegnarsi a sostenere concretamente con un adeguato intervento l’ingente lavoro organizzativo in vista di questo appuntamento e delle sue enormi ricadute promozionali», commenta il consigliere regionale Davide Nicco che aveva presentato fin dallo scorso giugno in Consiglio regionale un ordine del giorno.

Soddisfazione da parte di Nicco: «È un grande risultato frutto del lavoro di squadra dell’Amministrazione comunale di Santena e della Fondazione Cavour, che io ho supportato a livello regionale affinché – dopo tutti i rinvii dell’era Covid – una tappa del Giro possa celebrare adeguatamente la città di Santena dove è sepolto Camillo Benso conte di Cavour, e dove da pochi mesi è stato riaperto il memoriale con la villa e il parco monumentali appartenuti allo statista. Un traguardo per il quale mi congratulo con l’amministrazione comunale di Santena, il Cda della Fondazione con il suo presidente Marco Boglione e il direttore Marco Fasano, e gli Amici della Fondazione con il loro presidente Giovanni Ghio in particolare».

Si tratta di luoghi di incredibile bellezza e valore storico, sia come patrimonio artistico nazionale sia come significato simbolico per il nostro Paese, e che attendono un’adeguata valorizzazione turistica dopo anni di chiusura. Nel 2022 cade infatti, con un anno di ritardo, il 160° della scomparsa del primo Presidente del Consiglio dell’Italia unita, e il 170° anniversario esatto del suo incarico a capo del Governo del Regno di Sardegna.

Lo scorso 14 luglio Nicco aveva organizzato un primo sopralluogo ai luoghi cavouriani assieme ai vertici Rcs, all’amministrazione comunale di Santena, a quella regionale e alla Fondazione Cavour: incontro concluso con parere favorevole. «Il Giro d’Italia – riflette Nicco – ha dimostrato anche nell’ultima edizione di rappresentare un’eccezionale occasione di promozione anche turistica del nostro territorio e delle sue eccellenze paesaggistiche e culturali. Sono convinto che la Giunta regionale saprà mettere a disposizione nel bilancio 2022 risorse adeguate a sostenere le forze locali in questo nuovo appuntamento. Sarà un po’ come per gli Europei di calcio e le Olimpiadi di Tokyo 2020, un 2021+1, il 160° anniversario celebrato un anno dopo».

Nella foto: Marco Fasano (direttore Fondazione Cavour), Davide Nicco (consigliere regionale del Piemonte), Paolo Romano (assessore Sport comune di Santena). Il celebre manifesto con Cavour è di Armando Testa.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *