A Santena la scuola per i manager pubblici

15 Dicembre 2021

L’istituto di alta formazione attirerà 500 dirigenti. Domani la firma dell’accordo tra Cirio e Brunetta

Il ministro Renato Brunetta è stato di parola e il Castello di Cavour a Santena diventerà la nuova e terza sede della scuola nazionale di amministrazione pubblica per la formazione di funzionari e dirigenti. «Giovedì alle 13 firmeremo al ministero l’accordo» ha annunciato il presidente della Regione Alberto Cirio dal palco della presentazione della cabina di regia per i fondi del Pnrr, ieri nella sede della Città metropolitana di Torino.

L’accordo tra le parti è già pronto e la firma del protocollo d’intesa è l’ultimo passaggio prima dell’inizio dei lavori. Un risultato che, come ha spiegato il presidente, è stato frutto di un lavoro corale: «Siamo riusciti a convincere il ministero a sceglierci tra altre località del Nord Italia. Grazie al Comune di Torino, che è proprietaria del Castello, al presidente della Fondazione Cavour Marco Boglione, che ha fatto un ottimo lavoro e che ringrazio, e alla Regione che si è occupata della regia presentando il progetto».

La realizzazione della scuola verrà finanziata con i fondi del Pnrr: «Abbiamo già raggiunto un primo risultato insieme – ha dichiarato Cirio – speriamo sia, foriero di altrettanti risultati concreti come questo. Avere la scuola a Santena significa che qua si formeranno le più alte cariche dello, Stato della pubblica amministrazione, personalità che si legheranno al Piemonte, portando benefici al settore terziario». La scuola, stando alle indiscrezioni trapelate dopo la visita del ministro Brunetta alla Fondazione Cavour il primo novembre scorso, dovrebbe aprire nella primavera zona e a attirare dai 30o ai 600 funzionari e dirigenti all’anno.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.