Articoli

[La Banca nazionale. 2. Il rimborso del prestito allo stato]

«Il Risorgimento», Anno III, numero 791 del 20 luglio 1850 La legge del 9 luglio sulla Banca nazionale, mentre provvedeva a far scomparire ogni traccia d’illegalità dall’atto di fusione delle due banche di Genova e di Torino, stato in origine sancito da semplice decreto reale, ebbe per precipuo scopo di ridurre la circolazione monetaria al suo stato normale col togliere ai biglietti di banca il privilegio del corso coattivo.…

Leggi tutto

[La Banca nazionale. 1. La circolazione]

«Il Risorgimento», Anno III, numero 789 del 18 luglio 1850 Dallo specchio della situazione della Banca nazionale, che pubblichiamo nell’ultima facciata di questo foglio, appare che l’ammontare dei biglietti in circolazione ascendeva il giorno nove dell’andante mese a lire 43.711.250 Cioè: Mutuati al Governo
lire 18.000.000 Emessi per effetto di operazioni bancarie » 25.711.250 La legge testé sancita dal Parlamento e promulgata il 9 del corrente, prescrivendo alla Banca di restringere, nello spazio di 3 mesi, la sua circolazione entro il limite di 40.000.000, ne consegue ch’essa deve prima del 9 ottobre ritirare per non più emetterli 3.711.250 di biglietti.…

Leggi tutto

[La moderazione politica]

«Il Risorgimento», Anno III, numero 786 del 15 luglio 1850 Lord Palmerston nel suo ultimo discorso del 25 giugno, in cui difese alla Camera dei comuni tutta la sua politica estera, venendo agli affari d’Italia, così si esprimeva: «Per quanto poi riguarda alla nostra politica in Italia, io rigetto assolutamente le accuse che ci furono fatte di essere gli avvocati, i sostenitori, i promotori della rivoluzione.…

Leggi tutto

[La politica del libero scambio in Inghilterra]

«Il Risorgimento», Anno III, numero 783 del 11 luglio 1850 Le conseguenze benefiche della politica economica liberale portata a compimento quest’anno in Inghilterra coll’intera rimossione dei privilegi di cui da secoli godeva la bandiera nazionale, si fanno ognor più evidenti. Lo specchio de’ redditi dello Stato del trimestre e dell’anno che hanno termine al 5 andante, come quello del movimento commerciale dei cinque primi mesi dell’anno, ne somministrano una nuova e luminosa prova.…

Leggi tutto

[La morte di Robert Peel]

«Il Risorgimento», Anno III, numero 780 del 8 luglio 1850 Il dolore cagionato dall’immatura morte di sir Roberto Peel è universale in Inghilterra. Tutti, senza distinzione di parte, sono unanimi nel considerare come una pubblica calamità la perdita del più illustre uomo di Stato dei tempi attuali, ad un’epoca della vita in cui le conservate forze fisiche, ed il non scemato vigore dell’ingegno, davano argomento di sperare che egli avrebbe continuato per molti anni a spandere nei consigli della nazione quei tesori di scienza governativa e di sapienza politica che lo avevano innalzato al primato parlamentare.…

Leggi tutto

Il voto della Camera dei comuni d’Inghilterra

«Il Risorgimento», Anno III, numero 777 del 4 luglio 1850 Dopo una discussione memorabile, che si protrasse per ben quattro tornate, ed alla quale parteciparono gli uomini di Stato i più distinti dell’Inghilterra, i capi di tutte le varie e numerose frazioni politiche che militano nell’arena parlamentare, la Camera dei comuni alla maggioranza di 46 sopra 586 votanti sanzionò con solenne approvazione la politica estera del ministero Russell-Palmerston.…

Leggi tutto

[Onoreficenze a industriali piemontesi]

«Il Risorgimento», Anno III, numero 774 del 1 luglio 1850 Il Re volendo manifestare in modo solenne la piena soddisfazione per esso provata dalla visita fatta alla esposizione dei prodotti dell’industria patria, ha, sulla proposta del ministro d’Agricoltura e Commercio, Pietro di Santa Rosa, conferto la croce di cavaliere dei ss.…

Leggi tutto

[La situazione politica]

«Il Risorgimento», Anno III, numero 747 del 29 maggio 1850 Da qualche tempo dicesi che noi siamo silenziosi sulle cose che riflettono alle nostre condizioni di politica interna; questo silenzio ci venne notato da taluno al quale abbiamo risposto ciò che scriviamo ora pei nostri lettori.…

Leggi tutto

[Il dazio sui bozzoli: polemica con la Concordia]

«Il Risorgimento», Anno III, numero 729 del 7 maggio 1850 La Concordia nel suo numero d’oggi, dice avere il deputato Cavour cercato d’introdurre nella legge sull’esportazione del fieno, paglia ed avena, discussa nella tornata di sabbato, un emendamento diretto ad accrescere il dazio sulla esportazione dei bozzoli dalla frontiera di Lombardia, onde favorire gl’interessi dei banchieri di Torino; ed aggiunge che un tale emendamento non ebbe l’onore della discussione, per non essersi trovato nella Camera cinque deputati disposti ad appoggiarlo.…

Leggi tutto

[Il risanamento delle finanze]

«Il Risorgimento», Anno III, numero 719 del 25 aprile 1850 Il voto con cui la maggioranza protrasse al Ministero sino a tutto novembre l’autorizzazione di percepire le imposte, ha dovuto provare al Governo quale sia lo spirito che la anima, quando trattasi di aprirgli ogni via per cui egli possa riescire al bene del paese.…

Leggi tutto