Saluzzo di Monesiglio, Diodata

 

Diodata Saluzzo di Monesiglio (1775-1840), vedova del conte Massimiliano Roero di Revello, solo membro femminile dell’Accademia, era autrice di liriche, tragedie, commedie, novelle e di un poema. La sua poesia conciliava l’educazione classica e il gusto romanticheggiante ed era ispirata alla fede, agli affetti familiari e all’amore per il Piemonte e il suo re.


Soprannome: Diodata

Fonte: Diari


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.